Prestazioni pensionistiche: rendite

QUANDO RICHIEDERLE

• Pensionamento + 5 anni di iscrizione al Fondo

N.B. Ai fini del calcolo degli anni di iscrizione va sommato anche il periodo maturato in altri Fondi, purché sia stato trasferito a Fonchim quanto accantonato nel precedente fondo.

QUANTO RICHIEDERE

• il 100% in rendita;
• al massimo il 50% in capitale e la restante parte in rendita.

Chi può ritirare comunque il 100% in capitale?
1. Chi al momento della pensione non abbia i requisiti di anzianità (5 anni di iscrizione) previsti per l’ottenimento della rendita.
2. Chi, convertendo in rendita almeno il 70% della posizione individuale maturata, ottenga un importo annuo inferiore alla metà dell´assegno sociale INPS (nel 2019, pari a € 5.954 annuali) (1).
3. Chi rientra nella tipologia legislativa di “vecchio iscritto a vecchio fondo” (2).
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(1) La legge ha introdotto una soglia per stabilire chi possa comunque ritirare il 100% in capitale. Se si rimane sotto questa soglia è possibile ritirare tutto in capitale, poiché si otterrebbe una rendita esigua.
(2) Sono coloro che prima del 29 aprile 1993 erano già iscritti a un Fondo pensione (istituito alla data di entrata in vigore della legge 23 ottobre 1992 n°421) in cui avevano la possibilità di riscattare l’intero importo al momento del pensionamento.
Trasferendo la propria posizione a Fonchim hanno trasferito anche questo requisito e mantengono, pertanto, la possibilità di riscattare l'intero importo in capitale, con la tassazione che era prevista nel vecchio fondo di appartenenza: la tassazione, in questi casi, può essere meno conveniente.
 

CHI LA EROGA
Assicurazioni Generali SpA è la compagnia selezionata tramite bando pubblico per la gestione delle rendite.

QUALI TIPI DI RENDITE

- Rendita vitalizia semplice
- Rendita vitalizia reversibile
- Rendita vitalizia certa per 5 o 10 anni e successivamente vitalizia

Tutti i tipi di rendita prevedono il raddoppio della rata in caso di perdita di autosufficienza (long term care – cosiddetta LTC).

“QUALE MI CONVIENE SCEGLIERE?”
È meglio la rendita semplice o quella reversibile? La certa 5 anni o la certa 10 anni?
La rendita è come un “abito su misura”. Nella scelta entrano in gioco diverse variabili personali: ognuno troverà la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

COSA INCIDE SULL’IMPORTO
L'età e il sesso della persona che beneficerà della rendita, il numero di rate annuali, ulteriori tutele richieste (es. reversibilità).

Cosa incide sull'importo

COME SI CALCOLA
Il calcolo, vedremo, è semplice: una divisione matematica ci permette di scoprire quale importo si otterrà.
Concentriamoci anche sulla logica che sta dietro al calcolo: ci aiuterà a scegliere la rendita più adatta alle nostre esigenze.

Approfondiamo il calcolo

DI QUANTO SI RIVALUTA LA RENDITA NEL CORSO DEGLI ANNI
La rendita si rivaluta annualmente in base al rendimento prodotto dalla gestione finanziaria della Compagnia Assicurativa.
 
DOCUMENTAZIONE

- Convenzione Generali
- Fascicolo Informativo Generali
- Integrazione Fascicolo Informativo Generali

MODULISTICA
Qui è possibile scaricare il modulo per la richiesta della prestazione pensionistica in forma di capitale.

Nel caso di prestazione pensionistica con una quota in forma di rendita, il modulo ad hoc dev'essere richiesto direttamente agli uffici del Fondo via fax (02 67100951 oppure 02 66718091), allegando:

- copia del documento d’identità;
- copia del codice fiscale;
- copia della Comunicazione di liquidazione oppure del Certificato di pensione dell’INPS, attestanti l’avvenuto pensionamento.

TASSAZIONE
La tassazione della rendita.



Sei qui: Home